Back to top

Giornata mondiale dell’Acqua

ll consumo pro-capite di acqua solo nel nostro Paese, è poco più di 240 litri al giorno, ma il dato più importante è che la dispersione idrica arriva a circa il 40%. Questo valore è dovuto alla cattiva realizzazione delle reti idriche, ormai logorate dal tempo e soprattutto mal costruite.

Ma come si puó arginare questo problema?

Di sicuro l’utilizzo di sistemi d’avanguardia come bacini di contenimento e accumulo delle acque piovane, vasche di fitodepurazione, possono aiutare a recuperare l’acqua e riutilizzarla per poter irrigare i campi o per lo scarico dei nostri Wc. Ma solo queste iniziative non bastano. Anche il materiale per poter realizzare queste opere deve essere un materiale che resiste al tempo e alle avverse condizioni climatiche in modo da non vanificare gli sforzi fatti ed evitare possibili dispersioni.

Le Geomembrane in EPDM GeoGard e Geosmart realizzate da Firestone e vendute da Alpewa, offrono prestazioni affidabili: durabilità estrema, resistenza, flessibilità ed elasticità che le rendono ideali per innumerevoli situazioni agricole, industriali e non solo:

  • bacini d’irrigazione
  • invasi di accumulo idrico
  • laghi ornamentali
  • vasche di laminazione
  • vasche di fitodepurazione 
  • laghetti da giardino
  • pond per pesci e carpe Koi
  • biolaghi e biopiscine
  • vasche per fitodepurazione
  • vasche per sistemi acquaponici
  • vasche antincendio  
  • bacini per l'innevamento artificiale

Le caratteristiche da primato di queste membrane non finiscono qui. Geogard e Geosmart presentano un’alta resistenza agli alcali ed alle piogge acide, ai nitrati, ai fosfati in soluzione, agli alcoli, ai componenti chimici del suolo ed ai microorganismi, inoltre risultano essere membrane chimicamente stabili senza inquinanti per l’ambiente. Queste caratteristiche, unite alle aspettative di vita e le opzioni di riciclo, combinate con l’ uso per la conservazione dell’acqua e la protezione dell’ambiente, le rendono LE MEMBRANE PIÚ ECOLOGICHE E SOSTENIBILI PER L’AMBIENTE